Grafstro¨ m K, Andersson K, Pettersson N, Dalgaard J, Dunne SJ

Effects of Long Term Storage on Secondary Metabolite Profiles of Cannabis Resin 

Forensic Science International (2019)

https://doi.org/10.1016/j.forsciint.2019.05.035

 

 

Conservare correttamente la cannabis e i suoi estratti è una pratica essenziale per mantenere quanto più invariato possibile il loro profilo originale di sostanze attive: fitocannabinoidi, terpeni, etc.

I ricercatori del Centro nazionale forense svedese (NFC) hanno condotto, nel maggio 2019, un approfondito studio su diverse degradazioni e trasformazioni in corrispondenza di metodi di conservazione differenti (contatto con aria, temperatura, luce, contenitore). i campioni, divisi in porzioni e confrontati statisticamente, sono stati analizzati sistematicamente nell'arco di 4 anni.

Δ9-THC | I campioni conservati a contatto con l'aria, sia al buio che alla luce hanno mostrato la maggiore riduzione della concentrazione di Δ9-THC:

  • oscurità + aria diminuita tra il 64% e il 74%
  • luce + aria diminuita del 65-72%
  • a tenuta stagna + temperatura ambiente degradata più lentamente 25-42%
  • ermetico + congelatore rimasto statisticamente intatto

CBD (CBDV) | Era stabile in tutte e 4 le diverse condizioni di conservazione

CBN | Livelli aumentati linearmente in campioni esposti all'aria

Sesquiterpeni - isocariofillene, β -cariofillene, α -bergamotene, α - e β - umulene | Lenta ed esponenziale degradazione nei campioni esposti all'aria, mentre i campioni in condizioni sigillate sono rimasti relativamente stabili.

Il contatto con l'aria sembra dare il maggior contributo alla degradazione di Δ9-THC (THCV), mentre il CBD (CBDV) rimane stabile in tutte le condizioni. Tuttavia, è opportuno conservare tutti i prodotti di cannabis in contenitori a tenuta d'aria, scuri, preferibilmente in un congelatore.

 

 

ABSTRACT

L'identificazione strutturale e il monitoraggio delle concentrazioni relative di una vasta gamma di metaboliti principali e secondari minori usati come marcatori per la profilatura della resina di cannabis presso il Centro nazionale forense svedese (NFC) hanno facilitato la mappatura dei loro comportamenti chimici e fisici per un periodo di 48 mesi, mentre conservati in condizioni diverse (esposizione alla luce, esposizione all'aria, temperatura). In tutti i casi il comportamento di questo gruppo di sesquiterpeni, sesquiterpenoidi, cannabinoidi e cere potrebbe essere direttamente correlato alla loro labilità chimica / funzionalità.

Il campionamento dei blocchi di resina è stato fatto sotto la superficie e gli effetti dell'incursione di luce sono risultati trascurabili. Gli effetti dell'esposizione all'aria (e indirettamente alla temperatura) sono risultati più significativi, non inaspettatamente, in quanto molte delle trasformazioni osservate erano basate su processi di ossidazione o riarrangiamento.

 

 

METODO e OSSERVAZIONI

Sono stati studiati l'impatto di quattro diverse condizioni di conservazione sul profilo chimico della resina di cannabis insieme con le concentrazioni di Δ9-THC, CBD e CBN. Le diverse condizioni di conservazione erano: 

  1. Al buio, in un sacchetto di plastica sigillato a -20 ° C (campione di riferimento).
  2. Alla luce, esposto all'aria e a temperatura ambiente (RT) (20-22 ° C). 
  3. Alla luce, in un sacchetto di plastica sigillato e a temperatura ambiente. 
  4. Al buio, esposto all'aria a temperatura ambiente. 

Ciascuna lastra di resina di cannabis è stata divisa in quattro parti che sono state immagazzinate nelle diverse condizioni sopra menzionate. I campioni di ciascuna condizione di conservazione sono stati analizzati all'inizio dello studio e dopo 1, 3, 6, 9, 12, 24, 36 e 48 mesi dopo l'inizio dello studio. La sorgente luminosa era un tubo di luce fluorescente standard con illuminazione costante nel corso dello studio. Nessuna luce naturale è entrata nella stanza in cui sono stati conservati i campioni, tuttavia durante le operazioni di campionamento e analisi l'esposizione alla luce ambientale è stata inevitabile. Il campionamento prima dell'analisi è stato effettuato rimuovendo la superficie dalla resina di cannabis con un bisturi e raccogliendo il campione dall'interno di ogni pezzo di resina di cannabis. Sono stati prelevati due campioni da ciascun pezzo di resina di cannabis per analizzare il contenuto di Δ 9-THC, CBD e CBN e quattro campioni per la determinazione del profilo chimico dei metaboliti secondari minori.

I campioni A-D conservati in sacchetti di plastica sigillati al buio in un congelatore non hanno mostrato segni reali di degradazione nelle quantità di Δ9 -THC, CBD e CBN. Le concentrazioni misurate per questi cannabinoidi hanno mostrato piccole variazioni che molto probabilmente risultano da piccoli cambiamenti nella sensibilità dello strumento in un periodo di tempo così esteso insieme a una combinazione di varianza naturale (disomogeneità). 

I campioni conservati alla luce ma in una busta di plastica sigillata hanno mostrato una piccola degradazione in % THC per A (THC = 4,5%), B (5,1%) e D (4,9%) e una maggiore degradazione per il campione C (11,8%). 

Considerando l'accuratezza del metodo e gli intervalli di confidenza calcolati per i diversi blocchi di resina di cannabis, la concentrazione Δ9-THC nei campioni A-D mostra una degradazione statisticamente significativa quando esposta alla luce e all'aria. 

I campioni conservati a contatto con l'aria, sia al buio che alla luce, hanno mostrato la maggiore diminuzione della concentrazione Δ9-THC. Per i campioni conservati in queste condizioni l'andamento delle concentrazioni Δ9-THC è diminuito più o meno continuamente. Dopo quattro anni le concentrazioni di Δ9-THC per i quattro campioni immagazzinati nell'oscurità, ma il contatto con l'aria era diminuito tra 64 e il 74% rispetto alle concentrazioni originarie. Per i campioni conservati a contatto con l'aria, ma alla luce le concentrazioni Δ9-THC hanno mostrato lo stesso risultato, diminuendo con di un 65-72 percento relativo. Questo studio di stabilità suggerisce che il Δ9-THC degrada a contatto con l'aria, ma l'effetto della luce incidente nella zona di campionamento è trascurabile. 

I campioni conservati in sacchetti di plastica sigillati a temperatura ambiente (RT) si sono degradati più lentamente (25-42%), mentre i campioni conservati nel congelatore rimangono statisticamente intatti. 

L'analisi delle concentrazioni di CBD per i quattro diversi campioni ha rivelato una stabilità molto maggiore per il CBD rispetto al Δ9-THC. 

I livelli di CBD in tutti e quattro i materiali non mostrano effetti statistici a causa delle 4 diverse condizioni di conservazione. Il CBD non sembra essere soggetto a degradazione ossidativa e quindi può servire come un picco di riferimento utile per l'analisi comparativa per campioni noti per essere stati conservati in condizioni diverse. Il campionamento in tutti i casi è stato effettuato dal centro della lastra di resina di cannabis e quindi l'influenza della luce è risultata trascurabile per tutti i metaboliti secondari inclusi in questo studio. 

Il CBN è un prodotto di ossidazione proveniente da THC. Tutti i materiali A-D mostrano chiare tendenze per quei campioni esposti all'aria con un aumento relativamente lineare della quantità di CBN nel tempo.